CHI SIAMO

CHE COSE’ IL FIELD TARGET? Questa disciplina inizialmente veniva praticata da cacciatori su sagome cartacee e rappresentanti animali nocivi il cui abbattimento è consentito, in Inghilterra, con armi ad AC di libera vendita e con potenza non superiore a 16J. In seguito si adottarono sagome metalliche il cui ribaltamento avveniva esclusivamente colpendo una zona circolare, in corrispondenza di un punto vitale dell’animale, detta kill zone. La sagoma viene poi riattivata tramite una fune di collegamento. Le manifestazioni e gli incontri si svolgono all’aperto in un contesto paesaggistico il più naturale e selvaggio possibile. In seguito tale disciplina si espanse anche negli USA ed in Unione Europa e particolarmente in Germania e Polonia dove la regolamentazione e la classificazione delle armi di libera vendita ad AC è notevolmente più restrittiva, come d’altronde in Italia dove il limite di potenza è di 7,5J. Vengono, quindi, adottate differenti categorie in funzione oltre che alla tipologia di arma anche dalla potenza espressa. Per la scelta dell’arma ad aria compressa è possibile indirizzarsi o verso un prodotto di libera vendita e quindi senza i numerosi adempimenti burocratici e le varie restrizioni d’uso, oppure verso armi ad alta potenza equiparate dal punto di vista normativo alle armi sportive. La scelta non preclude la partecipazione alle gare di FT del panorama Italiano e Europeo essendo previste, come già detto, differenti categorie in funzione alla potenza e al differente sistema propulsivo. Da una parte abbiamo la classica arma ad aria compressa a molla (spring per gli anglosassoni) che è caratterizzata da semplicità di meccanica e possibilità notevoli di accuratizzazione da parte dell’appassionato, ma mostra il lato debole per la minore precisione in quanto allo sparo le reazioni sono maschie e i suoi effetti sulla rosata si accentuano al crescere della potenza, e per la maggiore difficoltà, intesa come sforzo fisico, nel caricamento. I problemi si riducono con quella fascia di armi cosiddette di libera vendita. Dall’altra parte abbiamo invece armi il cui sistema propulsivo del pallino è dato da aria compressa contenuta in apposito serbatoio ad alta pressione (200 atm). Scattare con un prodotto di questa tipologia lascia sorpresi in quanto non si sente nessuna reazione o vibrazione. La precisione si paga con un prezzo leggermente più elevato e la preclusione ad affrontare interventi meccanici di studio o di affinamento da parte dell’appassionato. Scelta l’arma occorre installare un sistema di mira adeguato, in quanto non conoscendo le distanze del bersaglio è necessario usare l’ottica come telemetro. Chi può praticare il Field Target? Il Field Target è un’ attività gratificante e rilassante che allo stesso tempo può diventare molto impegnativa. Può essere praticata da tutti, iniziando da un minimo di 10 anni di età e può essere affrontata sia a livello di divertimento ludico e informale sia a livello agonistico regionale, nazionale e internazionale.

TESSERAMENTO 2019

Chi fosse interessato all’ iscrizione a Phoenix Field Target Veneto può farne richiesta compilando il modulo allegato e succesivamente inviarlo tramite mail al seguente indirizzo:
Presidente@phoenixft.it
IL direttivo esaminerà la domanda di ammissione e comunicherà al richiedente l’esito.
Grazie

PROSSIMI EVENTI

Al momento non sono previsti eventi.
la direzione aggiornerà la pagina non appena stilato il calendario eventi 2019

 Cosa facciamo

Cosa facciamo

sezione in costruzione

Il Nosto Team

Francesco
Francesco
Fondatore e Presidente
Nicola
Nicola
Vicepresidente
Francesca
Francesca
Segretaria

ULTIME MANIFESTAZIONI

Guarda il nostro video

ARTICOLI